teatro verona

Rassegna teatrale del Teatro Ospitato

Casa Shakespeare presenta al Teatro Satiro OFF, e in due date esclusive al Teatro Camploy, 6 realtà teatrali e due nuove produzioni.

Quest’anno la rassegna teatrale si declinerà in due differenti percorsi che copriranno tutto l’autunno, protraendosi da Ottobre fino all’inizio vero dell’inverno, che dalle nostre parti coincide con il Natale, che come sempre vedremo di vivere in maniera diversa, alternativa, al punto d’essere misteriosa: REVISIONE DEL MITO E MYSTERIOUS, IL TEATRO DEI MISTERI.

Ricordiamo la disponibilità di biglietti ridotti e convenzionati.

teatro verona

REVISIONE DEL MITO

La revisione del racconto e dei miti. Si parte il 19 ottobre, ore 21 con il riallestimento al Teatro Camploy del titolo più fortunato dell’anno: Antonio e Cleopatra”, in cui lo sdoppiamento fra i ruoli sostenuti (Antonio e Cleopatra appunto dell’omonimo dramma scespiriano) e i protagonisti che li fecero grandi e divennero pop star del Cinema e del Teatro negli anni d’oro di Hollywood (cioè Burton e Taylor) crea una frizione fra realtà vissuta e scena agita, con evidenti sovrapposizioni che fanno intuire quanto sia facile confondere quotidiano e realizzazione di sé sulla scena. La drammaturgia è di Andrea de Manincor, la regia di Solimano Pontarollo, protagonista assieme a Sabrina Modenini. 

Nel mese di Novembre la nostra revisione oscillerà, rimbalzerà fra Shakespeare e i classici della letteratura greca per il teatro. 

Il Teatro Satiro OFF ospiterà il 9/11 ore 19:30 al Teatro Satiro OFF, Acarnesi” da Aristofane, con Gruppo della Creta di Roma, per la regia e la drammaturgia di Alessandro Di Murro: “In Acarnesi il conflitto non nasce contro il nemico esterno, con cui alla fine della prima scena il protagonista stipula senza difficoltà la pace, ma è insito nella società stessa, nella polis, tra i propri simili, nei vicini, insomma nel demos. Solo apparentemente la pace da stipulare è quella con l’odiata Sparta. La vera pace è quella da costruire all’interno della propria comunità. Uno spettacolo che si fonda sulla contemporaneità dei classici: come essi riescano a chiarire la quotidianità e come ne riescano a svelare la meschinità”.

In seguito la rilettura di Lear il 16 novembre alle ore 19:30 del Teatro Invito di Lecco nella produzione Lear e il suo matto”, spettacolo per attori e burattini, di cui gli autori e interpreti, Radaelli e Broggini, dicono: In Lear, malgrado la famosa battuta “La maturità è tutto”, i personaggi reagiscono in modo infantile, sembrano quasi burattini nelle mani del destino: “Come mosche tra le mani di ragazzini crudeli noi siamo per gli dèi”.
Perciò abbiamo immaginato di ridurre la scena elisabettiana a una baracca di burattini: Re Lear è un attore in carne e ossa che ha a che fare con i suoi fantasmi scolpiti nel legno. 

Tutta la meschinità di un mondo non includente, capovolto nei principi e nei valori, sarà il filo rosso di una nuova Antigone, nuova perché nuovissima produzione di Casa Shakespeare sul testo originale di Andrea de Manincor e regia di Solimano Pontarollo. Di scena in prima assoluta al Teatro CamployAntigone dei barconi” il 21 novembre ore 21,(posticipata all’8.12 per cause di forza maggiore)  come dice Andrea de Manincor, parte da: “Il seppellimento come diritto naturale”.  Il seppellimento in terra libera, verrebbe da dire citando la Harper, che non può essere lo sterminato mare cui la nostra vicenda fa invece riferimento. Questione di diritto che diventa questione di dignità, di umanità. Ma le somiglianze fra l’Antigone classica e la nostra, quella dei Barconi, finiscono lì. Nelle sfumature di una struttura di base. Ma non c’è nulla, se non qualche voluta, ubriaca citazione dalla tragedia sofoclea, che appaia la nostra Antigone al modello di riferimento”. 

E a un’altra donna, diversa per segno ma non per caparbietà, è dedicato l’appuntamento dell’ultimo giorno di Novembre, il 30/11 ore 19:30 al Teatro Satiro OFF. In Clitennestra, i morsi della rabbia”, protagonista e drammaturga Anna Zago, per la regia di Piergiorgio Piccoli e la produzione di Theama Teatro di Vicenza, si assiste alla tragedia per monologo di una “Crudele, infida, violenta, adultera e assassina: il prototipo dell’infamia femminile. Questo era Clitennestra per i greci: una kynopis – faccia di cagna. Un vero e proprio mostro. Uccide il marito e l’amante di lui a colpi di scure. Ma la sua storia, non tanto diversa da numerosi casi di donne criminali dei nostri giorni, offre lo spunto a importanti riflessioni sulla natura del diritto e della giustizia.”

Infine due vere “chicche”, che della revisione dei miti –  al plurale potremmo dire – sono perfetta sintesi. Due chicche, due spettacoli importanti, con interpreti importanti: Sarah Biacchi, attrice e cantante romana, in Maria, o l’amore o la voce”, spettacolo che vede in scena Biacchi, sulla vicenda di un altro mito in carne e ossa di cui quest’anno ricorrono i 100 anni dalla nascita e Maria Callas il 7 dicembre ore 19:30 al Teatro Satiro OFF. Debutto: in prima assoluta.

MYSTERIOUS, IL TEATRO DEI MISTERI

La revisione della fiaba in chiave misteriosa in “Lack”, di Giulia Lacorte, Simone Tessari e Andrea Zamengo, con Lacorte e Zamengo. Raccontano gli autori: “Lack affonda le radici nel vuoto, lì dove la parola non arriva, i bisogni rimbombano e le domande rimbalzano senza risposta”. Vi aspettano il 26 ottobre ore 19:30 al Teatro Satiro OFF.

Dal 14 al 17 dicembre ore 19:30 al Teatro Satiro OFF torna  il “classico” appuntamento col mistero, anzi col giallo scespiriano. Quest’anno avremo l’opportunità di scoprire la Seconda Puntata del racconto teatrale “La neve di William”, di Andrea de Manincor, produzione di Casa Shakespeare sulle tracce del ritrovamento di un antico manoscritto, forse di pugno scespiriano, di cui alcuni personaggi vogliono impossessarsi. Ora nelle mani del Direttore di un teatro, sarà in grado costui di tenere distanti le grinfie di malvagi accaparratori? Il 14 e il 16 sarà in scena la prima parte e avrai la possibilità di acquistare un biglietto che comprenda entrambe le puntate. Per informazioni scrivere su Whatsapp.

Infine per i bambini e le famiglie l’appuntamento col mistero, o anche in questo caso con la spiegazione delle spiegazioni, con la delicatezza e la magia di un tempo che si sospende per tutti, sarà con Tib Teatro di Belluno  e “C’era 2 volte 1 cuore”, il 23 dicembre (ore 19:30) di Susanna Cro, per la regia di Daniela Nicosia. Due bimbi aspettano di nascere, aspettano con fiducia, e immaginano il mondo che sarà, creandolo sotto gli occhi degli spettatori.

IN ABBONAMENTO

Siamo lieti di presentare la serie di spettacoli che mettono in scena alcune delle compagnie teatrali più interessanti e innovative del panorama nazionale. I 10 spettacoli si terranno presso il Teatro Satiro OFF  di Verona dal 19 ottobre al 23 dicembre 2023 ore 19:30 e al Teatro Camploy per due date esclusive in serale ore 21. Una volta acquistato invia il tuo ticket a info@casashakespeare.it per ricevere le notifiche dell’evento. 

VANTAGGI:

  • Promemoria per mail del prossimo spettacolo.
  • Scegliere la poltrona FRAU numerata, prenotazione valida per il periodo della rassegna.
  • Opportunità di invitare uno spettatore al costo di una riduzione generica (non compreso nell’abbonamento).
  • Per gli abbonati all’edizioni precedenti: invito esclusivo ad una prova aperta di solito riservata a stampa e istituzioni.

Casa Shakespeare gode per la realizzazione delle proprie attività artistiche 2023 del patrocinio del Comune di Verona, della Provincia di Verona e della Regione Veneto.
Cena convenzionata con Osteria Dogana Vecia da contattare privatamente al +39 377 426 0417.

Skip to content
Attivi le notifiche? OK No grazie.