fbpx

LO STUPRO DI LUCREZIA

[et_pb_section][et_pb_row][et_pb_column type=”1_2″][et_pb_text admin_label=”Text” background_layout=”light” text_orientation=”left”]

LO STUPRO DI LUCREZIA

venerdì 27 Novembre ore 20.30 degustazione di specialità enogastronomiche del Panificio De Rossi

 ore 21.15 inizio spettacolo

regia Jacopo Squizzato

traduzione Walter Malosti

costumi Sara Gicoradi

attori Katia Mirabella e Jacopo Squizzato

produzione NeedTeatro

 

​​Lo stupro di Lucrezia poemetto di William Shakespeare

Lo stupro di Lucrezia e Venere e Adone sono due poemetti gemelli scritti da William Shakespeare. Oltre ai Sonetti sono le uniche opere del bardo pubblicate da lui stesso. Lo stupro di Lucrezia, pubblicato nel 1594, un tragico notturno canto, immerso in una livida oscurità caravaggesca, squarciata dalla luce di una torcia. In Shakespeare la voce di Lucrezia si dilata e diviene uno dei più alti esempi di meditazione sulle conseguenze dello stupro visto da parte di una donna. Attraverso un’ingegnosa serie di lamentazioni, introspezioni, allegorie, invettive contro il tempo, la notte e l’occasione, in una descrizione di un quadro di argomento troiano in cui l’assedio e l’espugnazione della città diviene specchio della sua violazione, Shakespeare dispiega la sua potentissima lingua con una specie di equilibrio incantatore che ci inghiotte nella musica delle parole senza concederci una qualche sospensione liberatoria.

 

[/et_pb_text][/et_pb_column][et_pb_column type=”1_2″][et_pb_image admin_label=”Image” src=”https://casashakespeare.it/wp-content/uploads/2015/09/Lo-Stupro-di-Lucrezia.jpg” show_in_lightbox=”off” url_new_window=”off” animation=”left” sticky=”off” /][/et_pb_column][/et_pb_row][/et_pb_section]