fbpx

I GIOVANI ATTORI DI CASA SHAKESPEARE A VERONA.

federica burato

Federica Burato

“Ho diciotto anni, frequento l’ultimo anno di superiori e faccio teatro da ormai 6 anni; ho iniziato a lavorare con Casa Shakespeare nell’estate del 2019 come Giulietta nel Romeo and Juliet ReLife, entrando effettivamente in compagnia durante la quarantena a marzo.”
giovanni brunelli attore verona

Giovanni Brunelli

“Ciao! Sono Giovanni Brunelli, studente classe 2000. Mi sono gettato a capofitto nel mondo del teatro nel 2017, studiando recitazione al Teatro Nuovo. Nell’estate 2019 ho ricoperto il ruolo di Romeo nel Romeo & Juliet ReLife, e questo mi ha aperto le porte di Casa Shakespeare, che mi ha accolto a braccia aperte nel marzo 2020. Ora, mollato il corso del Teatro Nuovo, entro a testa alta nella Compagnia di Casa Shakespeare. Chi governa la mia rotta diriga la mia vela! Andiamo!”

Gloria Busti

“Ciao! Sono Gloria, sono nata nel 1999 e vivo nella bella Verona. Ho avuto la fortuna di conoscere Casa Shakespeare nel 2018, anno in cui ho interpretato Mercuzio nel progetto “Romeo and Juliet Re-life”. Sono rimasta legata professionalmente a questa realtà in veste di apprendista per tutto ciò che riguarda la gestione di un teatro e di un’impresa di produzione teatrale. Otto mesi nei quali alternavo performance come attrice principale nello “Shakespeare Interactive Museum” e impiego come segretaria e responsabile della comunicazione nel medesimo progetto.  Durante la stagione artistica ho interpretato il ruolo di Giulietta anche   al fianco di Andrea Manganotto, nel “Romeo and Juliet” di Casa Shakespeare. Lo spettacolo è andato in scena più volte sia in teatro, per le scuole, sia nella sua versione itinerante, nella Verona storica e alle Terme di Giunone.  Nel 2020 ho frequentato il corso propedeutico trimestrale presso la civica accademia d’arte drammatica “Nico Pepe” di Udine.  Nella stessa estate ho frequentato il workshop estivo di “Idee, Training e Principi” nel centro internazionale di Biomeccanica Teatrale di Mejerchol’d a Perugia.  In “attesa attiva” di proseguire il mio percorso a livello accademico, studio come autodidatta. Non so se finirò mai di imparare, ma so dove ho iniziato: a Casa Shakespeare.”